Standard FCI

FCI Standard N° 287 / 05.09.2013

ORIGINE: Australia

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 08.10.2012

CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 1 Cani da pastore e Bovari (escluso i Bovari Svizzeri) Sezione 2 Bovari (escluso i Bovari Svizzeri) Senza prova di lavoro

BREVE CENNO STORICO: l’Australian Cattle dog è stato allevato per aiutare la diffusione dell’allevamento dei bovini nella vecchia Australia. La caratteristica più importante desiderata era un cane forte, mordace, con grande resistenza e la capacità di spostare e radunare bovini selvaggi. Razze da lavoro già importate non avevano queste caratteristiche. Poiché i primi coloni avevano poca manodopera a disposizione, nacquero problemi nel controllo delle loro mandrie e greggi. La maggior parte delle fattorie non erano recintante ed i terreni arbustivi non erano ancora stati puliti. Per assicurare un lavoro regolare con le pecore ed i bovini, i coloni si sforzarono di allevare razze di cani, che potessero svolgere per loro questo lavoro. I primi coloni registrarono soltanto poche informazioni riguardo al loro allevamento. Per questo motivo, nonostante ricerche intensive, mirate a trovare l’origine dell’Australian Cattle Dog, ci sono diverse opinioni riguardo a quali razze abbiano contribuito allo sviluppo della razza attualmente considerata come pura.
Generalmente si presuppone che la razza sia il risultato di incroci di Collie a pelo corto blue-merle con il Dingo e di un successivo incrocio di dalmata e di sangue di Kelpie nero focato.
Si tentarono altri incroci, ad esempio un incrocio con il Bull Terrier, ma tutti questi altri incroci non hanno avuto successo nel lavoro con i bovini.

ASPETTO GENERALE: L’aspetto generale è quello di un cane da lavoro forte, compatto, armoniosamente costruito, che ha la capacità e il desiderio di adempiere al compito che gli è stato affidato, per faticoso che sia. La sua sostanza, la sua potenza, l’equilibrio delle sue forme e la qualità dei suoi muscoli devono concorrere a dare l’impressione di grande agilità, di forza e di resistenza. Qualsiasi tendenza a sembrare grossolano o mancare di sostanza costituisce un grave difetto.

PROPORZIONI IMPORTANTI: La lunghezza del corpo misurata dalla punta dello sterno fino alla punta della natica è maggiore dell’altezza al garrese nella proporzione di 10/9.

COMPORTAMENTO – CARATTERE: La fedeltà del Bovaro Australiano e il suo innato istinto di protezione ne fanno il protettore più adatto per il guardiano del bestiame, la sua mandria ed i suoi beni. Pur essendo diffidente verso gli estranei, deve essere docile, in particolare nei ring delle esposizioni. Qualsiasi tratto, nel carattere o nella struttura, che sia estraneo alla natura del cane da lavoro deve essere considerato come un grave difetto. Come il nome stesso della razza sottintende, il lavoro di questo cane è la difesa e la gestione del bestiame sia su terreni molto ampli come anche in spazi molto ristretti, compito che egli svolge in modo inimitabile. È sempre attento, estremamente intelligente, vigile, coraggioso ed affidabile, la sua dedizione incondizionata al dovere lo caratterizza quale cane da lavoro ideale.

TESTA: la testa è forte, deve essere in armonia con le altre proporzioni del cane e corrispondere alla sua conformazione generale. REGIONE DEL CRANIO: Cranio largo, leggermente convesso tra gli orecchi. Stop: il cranio diventa più piatto dirigendosi verso lo stop, leggero ma netto. REGIONE FACCIALE: Tartufo nero. Muso largo e ben pieno sotto gli occhi, si affina gradatamente per formare una canna nasale di media lunghezza, alta, potente, parallela alla linea del cranio. Labbra chiuse e ben disegnate. Guance muscolose, né grossolane né sporgenti. Mascella inferiore forte, spessa e ben sviluppata. Denti: i denti sono sani, forti e regolarmente intervallati; presentano una chiusura a forbice; gli incisivi inferiori si articolano dietro i superiori che solo toccano. Poiché si chiede al cane di far avanzare il bestiame recalcitrante mordicchiandolo ai garretti, è molto importante che i denti siano sani e forti. Occhi: gli occhi devono essere di forma ovale e di media dimensione, né sporgenti né infossati nelle orbite. Devono esprimere vivacità e intelligenza. All’avvicinarsi di estranei, è caratteristico il vedervi una luce di avvertimento o di diffidenza. L’occhio è color marrone scuro. Orecchi: di taglia moderata, piuttosto piccoli che grandi, larghi alla base, muscolosi, drizzati, moderatamente appuntiti, né a forma di cucchiaio né a forma d’orecchio di pipistrello. All’inserzione gli orecchi sono ben separati. S’inclinano verso l’esterno. Sono sensibili al minimo rumore e si raddrizzano quando il cane è attento. Il padiglione deve essere spesso e l’interno dell’orecchio abbastanza fornito di pelo.

COLLO: il collo è estremamente forte, muscoloso, di media lunghezza; si allarga per fondersi con il torace; senza giogaia.

CORPO: Linea superiore: orizzontale. 
Dorso: forte. 
Rene: largo, forte e muscoloso. Regione dorso-lombare solidamente saldata. Con fianchi ben discesi. Groppa: abbastanza lunga e inclinata. Torace: ben disceso, muscoloso e di larghezza moderata. Le costole sono ben cerchiate e ben sviluppate verso il dietro, ma non sono a botte. CODA: l’inserzione della coda è moderatamente bassa, e prosegue la curva della groppa inclinata. La sua lunghezza gli permette di arrivare approssimativamente al garretto. In riposo, la coda pende formando una leggerissima curva. In azione, o quando il cane è eccitato, può essere rialzata, ma in nessun caso una parte qualsiasi della coda deve tagliare la verticale che passa per la sua inserzione. La coda deve portare un abbondante pelo (spazzola).

ARTI: ANTERIORI: Aspetto generale: gli anteriori hanno un’ossatura forte e rotonda fino ai piedi. Devono essere diritti e paralleli se visti dal davanti. Spalle: forti, oblique, muscolose, ben angolate in rapporto alle braccia e non troppo ravvicinate alla sommità del garrese. Sebbene la spalla sia muscolosa e l’ossatura forte, una spalla pesante ed un davanti pesante sarebbero di impedimento ad un movimento corretto e limiterebbero l’attitudine al lavoro. Metacarpo: elastico; visto di lato forma un angolo leggero con l’avambraccio. POSTERIORI: Aspetto generale: larghi, forti e muscolosi. Visti dal dietro, i posteriori, dal garretto al piede, sono diritti e paralleli, né chiusi né troppo aperti. Coscia: lunga, larga e ben sviluppata.
Ginocchio: ben angolato.
Garretto: forte e ben disceso. forte e ben disceso.

PIEDI: i piedi devono essere rotondi e le dita corte, forti, ben arcuate e ben chiuse. I cuscinetti sono resistenti e spessi. Le unghie devono essere corte e forti.

ANDATURA: l’andatura è franca, disinvolta, elastica e facile. Il movimento delle spalle e degli arti anteriori è in armonia con la spinta possente dei posteriori. Bisogna assolutamente che l’azione possa essere rapida e istantanea. E’ di assoluta importanza che il cane sia sano di costituzione; l’andatura rigida, la spalla pesante o mal attaccata, la spalla diritta, la debolezza nel gomito, metacarpo o piede, l’angolo del ginocchio troppo aperto, i garretti vaccini o il garretto arcuato, devono essere considerati come dei difetti gravi. Al trotto, i piedi hanno la tendenza a ravvicinarsi a livello del suolo, mano a mano che la velocità aumenta, ma quando il cane si ferma, deve essere con i quattro arti in appiombo.

MANTELLO: PELO: il pelo è liscio, doppio, con un sottopelo corto e denso. Il pelo di copertura è fitto, (ogni pelo è diritto) duro e coricato piatto, in modo che resta impermeabile. Sotto il corpo, fino al posteriore degli arti, il pelo è più lungo e forma presso le cosce una specie di culotte, senza esagerazione. Sulla testa, (compreso l’interno degli orecchi), sulla parte anteriore degli arti e dei piedi, il pelo è corto. Sul collo, è più lungo e spesso. Il pelo troppo lungo o troppo corto è un difetto. Di media, il pelo sul corpo deve avere una lunghezza che varia fra 2,5 cm e 4 cm.

COLORE: • Blu marmorizzato: il colore deve essere blu, blu marmorizzato o blu moschettato, con o senza altre macchie. Ammesse sono le macchie nere, blu o fuoco sulla testa, preferibilmente ripartite in modo uguale. Gli anteriori sono color fuoco fino a metà altezza, il color fuoco si estende sul davanti fino al petto e alla gola, con macchie fuoco sul muso. Color fuoco all’interno degli arti posteriori ed all’interno delle cosce, apparendo sul davanti del ginocchio e allargandosi verso l’esterno dei posteriori dal garretto alle dita. È ammesso un sottopelo fulvo sul corpo a patto che non appaia attraverso il pelo di copertura blu. Le macchie nere sul corpo non sono desiderabili. Trotinato di rosso: il colore deve consistere in piccole macchie rosse ugualmente ripartite da tutte le parti, compreso il sottopelo che non è né bianco né crema, con o senza macchie d’un rosso più scuro sulla testa. Sulla testa, sono auspicabili le macchie ugualmente ripartite. Le macchie rosse sul corpo sono ammesse ma non sono desiderabili.

TAGLIA: Altezza al garrese per i maschi 46 – 51 cm; per le femmine 43 – 48 cm.

DIFETTI: qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerata come difetto e la severità con cui questo difetto sarà penalizzato deve essere in esatta proporzione alla sua gravità ed al suo effetto sulla salute ed il benessere del cane, e sulla capacità di svolgere il lavoro richiesto a questa razza. DIFETTI PESANTI: Spalle pesanti, cedevoli o diritte. Gomiti, metacarpo o piedi deboli. Ginocchio diritto. Vaccinismo o posteriore a botte. Rigidezza nel movimento. DIFETTI ELIMINATORI: Cane aggressivo o eccessivamente timido. Qualsiasi cane che mostri in modo evidente anomalie d’ordine fisico o comportamentale, dovrà essere squalificato. N.B. : I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto. In allevamento dovrebbero venire usati soltanto cani clinicamente sani e rispondenti alla loro funzione, con conformazione tipica della razza.